Logo2

Menù

Dire bene
Carissimi fratelli e sorelle della comunità parrocchiale del Sacro Cuore di Gesù,
il Signore ci dona l’opportunità di iniziare un nuovo anno, ricordandoci che il tempo è …

Continua a leggere

la maggior ricchezza che tutti abbiamo, un tesoro che non deve essere custodito gelosamente solo per se stessi, ma che aumenta il suo valore se, con coraggio, sapremo spenderlo nell’incontro con Dio, con gli altri, soprattutto con chi è solo, con chi soffre, con chi ha bisogno di ascolto e di cura.
Per aiutarci in questa azione, a ogni inizio anno, siamo invitati a prendere esempio da Maria Madre di Dio: lei ci insegna che il primo passo per entrare nel nuovo anno deve essere quello di essere donatori di vita, imparando a contemplare tutto ciò che ci circonda accogliendolo come un dono gratuito di Dio.
Solo da questo atteggiamento può nascere, come vediamo in Maria, la capacità di benedire – cioè dire bene in nome di Dio, e ciò lo fa perché lei stessa sperimenta che questa espressione di riconoscenza rigenera nel profondo, dando forza per ricominciare. Non solo, come Dio che sempre ci benedice – cioè dice bene di ognuno di noi – così Maria ci insegna che la benedizione si riceve non per tenerla per sé, ma per donarla. Lei, la benedetta, è stata benedizione per chiunque ha incontrato: per Elisabetta, per gli sposi a Cana, per gli apostoli nel Cenacolo. Chiediamo con fiducia alla Madre di Dio la grazia di essere anche noi per gli altri portatori gioiosi della benedizione di Dio, come lei per noi.

Il vostro parroco
fra Cristian

NUOVO IMPIANTO AUDIO IN CHIESA

Nel mese di dicembre, dopo aver richiesto vari preventivi a ditte specializzate nel settore, e aver sperimentato in chiesa la funzionalità e l’efficacia durante le celebrazioni liturgiche, è stato sostituito il vecchio impianto audio oramai obsoleto con uno nuovo digitale, migliorando l’efficacia dell’amplificazione della voce dei celebranti, dei lettori e dei cantori durante le funzioni liturgiche.

L’intervento, realizzato dalla ditta Audema di Castrezzato, ha comportato la sostituzione del mixer, dell’amplificatore, dei microfoni dell’ambone, dell’altare, della presidenza e il microfono portatile con la sua centralina. Il tutto è costato complessivamente 6.500 euro.

IL PRESEPIO IN PARROCCHIA

Per chi non ha potuto recarsi nella nostra chiesa parrocchiale, pubblichiamo la fotografia del presepio che è stato aperto la notte di Natale. Un ringraziamento ai papà delle nostre famiglie che hanno dedicato tempo ed energia per la sua realizzazione.

Ringraziamenti e auguri dal Camerun

Con l’esperienza estiva dei nostri ragazzi, accompagnati da fra Alberto, si è radicata un’intensa amicizia con la missione del Camerun, come testimoniano le fotografie e la lettera ricevute da fra Terence in occasione di questo Natale. Le condividiamo con tutti voi che, grazie al sostegno che ci avete dato durante l’Ottobre Missionario, avete permesso al Progetto Graziella di continuare nei suoi aiuti verso i più piccoli e bisognosi.

NUOVO CICLO DI INCONTRI
Ottobre missionario

E anche questo Ottobre Missionario si è concluso con i risultati economici che avete potuto vedere esposti in bacheca e con tanti incontri che molti dei volontari porteranno nel cuore. La raccolta fondi della Giornata Missionaria Mondiale e il mercatino hanno dato i loro frutti; ora è tempo di distribuire …

Continua a leggere

quanto generosamente offerto da tutti voi parrocchiani e avventori:

  • 1.000 € verranno mandati al nostro parrocchiano Vescovo Pedro Conti che dal 2004 è incaricato di reggere la diocesi di Macapà in BRASILE.
  • 2.000 € verranno mandati in COSTA D’AVORIO ai frati Cappuccini per la formazione dei seminaristi locali; chissà se fra un po’ ci troveremo un frate Ivoriano destinato alla fraternità di Brescia!
  • 2.000 € verranno mandati, come lo scorso anno, in CAMERUN ai frati cappuccini per le feste di Natale nelle loro otto parrocchie. Abbiamo visto i filmati delle varie feste e abbiamo costatato quanto basti distribuire delle merende, quaderni, matite… per far contenti i bambini!
  • 1.500 € verranno consegnati per il VENEZUELA a Giuseppe Rubessi, presidente dell’associazione Solidarietà nell’Amicizia che, giornalmente, distribuisce la Merienda Escolar a 200/300 bambini in età scolare (…spesso è l’unico pasto che ricevono).

Inoltre, siamo in attesa di indicazioni su come e quanto inviare in Camerun per le necessità delle tre scuole visitate l’estate scorsa dai nostri ragazzi.

Di certo, a fine dicembre e per via direttissima, gran parte dei soldi entrati con l’Ottobre Missionario e con il mercatino sarà già arrivato a destinazione e ben speso!

Valentino per il gr. Missionario

La nostra ``prima`` missione in Africa
L’esperienza missionaria dei giovani della nostra parrocchia in Camerun è stata molto intensa: ricca di emozioni e di avventure. Dal 3 al 19 agosto Elisa, Nicolò, Nicola, Chiara, Michele, Marco, Angelica, Fabio e Cecilia, accompagnati da fra Alberto, hanno visitato quattro parrocchie gestite dai frati cappuccini camerunensi (Toket, Balengou, Bayon e Buea). Per tutti era …

Continua a leggere

la prima volta nel continente africano per cui la partenza era accompagnata da interrogativi, timori e voglia di scoperta.

«In realtà, siamo sempre stati accolti con grande gioia e disponibilità da parte della gente; in ogni realtà che incontravamo avevano preparato per noi canti, balli tradizionali, momenti di gioco e di confronto con i bambini e i giovani. Lungo i chilometri che percorrevamo in auto si svelavano davanti a noi molti paesaggi. Abbiamo visto l’oceano, il monte Camerun, piantagioni di palme, di caucciù e di cacao, situazioni di povertà e quartieri più ricchi, strade urbane trafficatissime e strade di terra in mezzo alla foresta completamente infangate. I nostri occhi ogni giorno si sono arricchiti di immagini, contrasti e sguardi. I bambini che ci vedevano passare ci chiamavano “Les Blancs”, ci guardavano stupiti e sorridevano. Difficile è descrivere le sensazioni che ti investono in un mondo così lontano dal nostro, ma anche così vicino a quelli che sono i veri valori della vita: gli sguardi così profondi dei bambini che ti entrano nel cuore, il senso di ingiustizia nel vedere lo sguardo spento di un bambino malnutrito, ma anche la grande gioia, schietta dei ragazzi nel ritrovarsi tutti insieme a cantare e a ballare alla messa della domenica, lo stupore e l’entusiasmo, le risate sincere di un gruppo di ragazzini di fronte a un gioco fatto insieme a loro, il senso di fratellanza. Durante il viaggio abbiamo distribuito gli aiuti raccolti in Italia (vestiti, giochi, materiale scolastico, stoffe), con la consapevolezza però di aver ricevuto molto di più». Il progetto Graziella continua e questo viaggio ha creato un ponte tra la nostra comunità del Sacro Cuore e le parrocchie visitate, sentendoci così fratelli e sorelle in cammino.

Fra Alberto

L'arrivederci di Progetto Sorriso

Nel gennaio del 1999 nasceva, fra le mura di questa parrocchia, l’Associazione Progetto Sorriso con l’intento di portare un aiuto alle famiglie bisognose nei paesi più poveri dove operavano i Missionari Cappuccini della Lombardia. In 23 anni di attività l’intento iniziale si è concretizzato in …

Continua a leggere

tante iniziative attraverso le quali siamo riusciti ad aiutare migliaia di famiglie in gravi difficoltà. Sostenere una famiglia nel proprio luogo di appartenenza e vederla progredire pian piano è stato senz’altro un motivo di grande gioia, ma lo è stato ancora di più per chi ha ricevuto l’aiuto, che ha così potuto guardare al futuro in modo diverso, senza dover pensare a scelte drastiche, come all’abbandono della propria terra e dei propri affetti, che poi difficilmente si sarebbero tradotte in scelte felici.

Purtroppo, oggi, la situazione nelle missioni è notevolmente cambiata: sono sempre meno i missionari italiani (da oltre cento ora sono meno di una decina) e quindi è sempre più difficile far capire ai missionari locali l’importanza di inviarci comunicazioni puntuali e dettagliate sui progetti sostenuti. Ciò non significa che non vengano portati gli aiuti alle famiglie bisognose, ma che risulta fortemente difficoltoso avere un referente sul luogo che si impegni a realizzare dei progetti personalizzati per ogni famiglia e a tenere un rapporto epistolare regolare. Questa nuova condizione preclude alla nostra associazione la possibilità di essere un tramite fra le famiglie sostenitrici e le famiglie bisognose in missione, in quanto non si sviluppa più un aiuto ad personam, che era lo scopo originale dell’adozione a distanza di una famiglia per il quale era nata Progetto Sorriso. Questo, di fatto, fa venir meno il ruolo di Progetto Sorriso, per cui, dopo una lunga e attenta analisi e con grande dispiacere, abbiamo preso la decisione di sciogliere l’associazione entro la fine di quest’anno.

Questo però non preclude la possibilità di continuare ad aiutare le famiglie bisognose, ma di farlo in modo diverso, infatti, proprio per salvaguardare il sostegno alle famiglie oggi attivo in Etiopia con Mons. Angelo Pagano, abbiamo raggiunto un accordo direttamente con il Centro Missionario di Milano, che si rende disponibile a proseguire la gestione di questo progetto. Abbiamo così invitato tutti i nostri sostenitori, che vorranno proseguire con questo aiuto, a effettuare le donazioni direttamente a Missioni Estere Cappuccini Onlus.

In occasione di questo significativo passaggio Progetto Sorriso deve dire parecchi grazie. Il primo va a tutti i benefattori che hanno voluto condividere con noi questa strada nell’accompagnare quelle famiglie che non hanno avuto la nostra pari fortuna, un altro grazie va ai tanti missionari che abbiamo incontrato negli anni e dai quali abbiamo imparato ad amare il fratello bisognoso senza farci sopraffare dal nostro istinto di “vanagloria” nel rivendicare i bei risultati ottenuti, e infine un grande grazie lo dobbiamo ai tanti volontari (…e quanti della nostra parrocchia!) che in oltre 20 anni si sono impegnati nel sostenere le numerose iniziative che Progetto Sorriso ha messo in campo per promuovere la propria attività.

Ci teniamo quindi a precisare che questo non è un addio, ma solo un cambiamento di impostazione, in quanto come volontari noi continueremo a collaborare con i Missionari Cappuccini per un aiuto alle famiglie più bisognose.

Un grazie di cuore!

Lorenzo Mucchetti
Presidente Progetto Sorriso Onlus

Rendiconto economico parrocchia 2021
Carissimi fratelli e sorelle della comunità parrocchiale del Sacro Cuore di Gesù,
nella presentazione del consuntivo economico dell’anno 2021 della nostra parrocchia, voglio ricordare le parole di papa Francesco: «Tutti i beni che abbiamo, il Signore ce li dà per far andare avanti il mondo, per far andare avanti l’umanità, per aiutare gli altri» …

Continua a leggere

Insieme al Consiglio Pastorale e al Consiglio degli Affari Economici, abbiamo cercato anche quest’anno di muoverci in tal senso.
Prima di tutto, voglio ringraziarvi di cuore per il vostro continuo e generoso sostegno!
Vi ricordo che questi soldi sono della comunità parrocchiale e il sottoscritto – come rappresentante legale – è chiamato a gestirli, e i frati non c’entrano nulla. Ci tengo a precisare questo, perché a volte sento dire che i frati hanno i soldi; sì, i frati hanno i loro soldi – come tutte le famiglie – per provvedere alle loro necessità, ma non sono i soldi della parrocchia.
Oltre alla gestione ordinaria, voglio rimandarvi alla gestione straordinaria, sottolineando che anche l’anno passato abbiamo speso 90.000 euro, soprattutto per il rifacimento di due tetti pericolanti in oratorio e per una prima quota per il nuovo riscaldamento.
Un altro punto importante è stato il nostro impegno per la carità: come potete notare, abbiamo speso più di quello che è entrato, tutto questo grazie alla vostra particolare attenzione.
Concludo con le parole di papa Francesco: “È importante che i fedeli contribuiscano volentieri alle necessità della parrocchia, che è “cosa loro” e di cui è bene che imparino spontaneamente a prendersi cura”.

Il vostro parroco
fra Cristian

Ordine Francescano Secolare
Fraternità Sacro Cuore di Gesù
È passato tanto tempo da quel lontano 1212, quando san Francesco d'Assisi, ritornando da Roma, si fermò ad Alviano.
Uomini, donne, bambini, nobili e plebei, tutto il popolo era corso per…

Continua a leggere

ascoltarlo.
Proprio in tale occasione, alle persone desiderose di seguire il suo esempio di scelta evangelica, promise una regola di vita.
A chi gli chiedeva come fare “a tutti indicava la via della salvezza, a ciascuno secondo la propria condizione” (FF 384-5).
I coniugati, infatti, dovevano continuare a vivere in famiglia; chi lavorava doveva continuare a lavorare, ma tutto in modo nuovo, frutto di vera conversione a Dio e perseverando sulla strada del bene, cioè abbracciando umiltà, povertà intesa come parsimonia e distacco del cuore dai beni, carità e fratellanza.
Dalla prima Regola del 1221, approvata da papa Onorio III, se ne sono susseguite altre per venire incontro ai tempi che cambiavano, fino all’ultima del 1978, approvata da papa Paolo VI e tuttora vigente.
Se, antecedentemente, l’Ordine veniva chiamato in vari modi: dei “Penitenti” o dei “Fratelli e Sorelle della Penitenza” e in seguito “Terz’ Ordine Francescano (terzo perché successivo al Primo Ordine dei Frati, al Secondo Ordine delle Clarisse), nel 1978 viene chiamato Ordine Francescano Secolare (OFS). Anche nel nome si vuole ribadire la sua autonomia, che in taluni tempi storici si era persa divenendo dipendenza o sudditanza del Primo Ordine.
Un Ordine, quindi, non un gruppo o un movimento; un Ordine della Chiesa e nella Chiesa. L’OFS è formato da molte Fraternità locali, come la nostra del Sacro Cuore di Gesù, facenti capo a Fraternità regionali tutte collegate alla Fraternità nazionale. Quest’ultima fa capo, insieme a tutte le altre distribuite nel mondo, alla Fraternità Internazionale, guidata da un Ministro e da un Consiglio, così come ogni Fraternità di ogni ordine e grado è sostenuta da un Assistente spirituale del Primo Ordine.
Per far parte dell’OFS, dopo un lungo periodo di formazione, si giunge al rito della “Promessa di vita evangelica” o “Professione” che sancisce tale ingresso. Essa viene emessa durante la Celebrazione eucaristica, davanti al Ministro, all’Assistente spirituale, ai fratelli della Fraternità accogliente e davanti ai fedeli.
La Professione è un segno di unione con tutto l’Ordine francescano secolare e con tutta la Chiesa; è una vocazione all’impegno di vivere nel mondo lo spirito del Vangelo, sulle orme di san Francesco d’Assisi.
La nostra Fraternità del Sacro Cuore di Gesù nasce nel 1909 ed è attualmente composta da 18 Professi e 3 iniziandi che hanno cominciato il loro cammino.
La fraternità si incontra abitualmente due volte al mese:
– la seconda domenica di ciascun mese alle ore 9.00 per la S. Messa e il successivo incontro fraterno, aperto anche a tutti coloro che desiderano conoscere la Fraternità. Gli argomenti francescani, di volta in volta presentati, lasciano spazio al dialogo fraterno, utile per rendere presente e vissuto l’insegnamento di san Francesco d’Assisi al giorno d’oggi;
– il quarto sabato del mese per la formazione permanente dei professi, in conformità a quanto proposto dal Consiglio regionale e nazionale, con l’obiettivo di un richiamo costante a una vita evangelica secondo la spiritualità di san Francesco d’Assisi, pur nello stile “secolare”.

Oltre all’animazione liturgica e a varie opere caritative, la Fraternità attuamente collabora con la Caritas parrocchiale nelle attività dell’Emporio solidale p. Ulderico.

Il Capitolo elettivo di gennaio 2022 ha rinnovato il Consiglio della Fraternità Sacro Cuore di Gesù che attualmente è così composto:

  • Ministra: Chiara Barni
  • Viceministro: Renato Bossi
  • Tesoriere: Riccardo Campana
  • Responsabile della formazione: Alessandra Faggian
  • Segretaria: Rosanna Gandini
  • Assistente spirituale: fra Antonio Belingheri

L’Ordine Francescano Secolare è una proposta di vita per tutti.

Il Consiglio e tutta la Fraternità sono sempre lieti di accogliere  tutti coloro che sono interessati a conoscere meglio san Francesco d’Assisi per conoscere Dio e per vivere con coraggio il proprio impegno di fede.

Per informazioni:

– Parrocchia Sacro Cuore di Gesù
via Milano 32 Brescia – tel. 0303750742
www.sacrocuore-brescia.org

– Chiara Barni, Ministra della Fraternità OFS
cell. 3429223333

Pace e bene a tutti

L'Emporio p. Ulderico compie un anno!
Ecco i dati di questo primo anno di attività

Il 29 maggio dello scorso anno l’Emporio della solidarietà intitolato a p. Ulderico dava inizio alla sua attività a favore delle persone maggiormente in difficoltà della nostra parrocchia. Nei mesi a seguire si sono aggiunte anche le famiglie inviate dal centro di ascolto della parrocchia del Primo Maggio, mentre per la parrocchia di Fiumicello si dovrà attendere ancora qualche tempo. Il progetto ha così compiuto il suo primo anno e vogliamo condividere i dati più significativi per evidenziare l’importanza assunta da questa nuova attività caritativa e ringraziare tutti voi che con generosità ci avete sempre sostenuto. Gli obiettivi sono stati l’accoglienza, l’ascolto ed il sostegno, ad opera dei volontari, delle famiglie che si trovavano in condizioni di reale difficoltà e disagio familiare, lavorativo, economico e/o sociale. Per un periodo di tempo stabilito è stata data loro la possibilità di accedere gratuitamente a beni di prima necessità, potendo così scegliere in base ai propri gusti ed esigenze.

La tabella sotto riportata mostra i risultati del progetto a un anno dalla sua nascita. Dal 1 giugno 2021 sono stati effettuati 133 colloqui, relativi a 86 nuclei familiari, di cui 34 non noti in precedenza.

Complessivamente sono state autorizzate 53 tessere per l’accesso all’emporio e oggi sono 37 le famiglie che accedono all’emporio: 24 della nostra parrocchia e 13 della parrocchia Primo Maggio.

Siamo consapevoli che questo progetto, che intendiamo continuare e promuovere, non può essere una risposta esaustiva ai problemi delle famiglie in difficoltà nella nostra zona, tuttavia esso rappresenta una testimonianza concreta affinché non venga mai perso di vista il valore dell’accoglienza, della solidarietà e della gratuità.  Anche noi volontari stiamo imparando a vivere “insieme” questa nuova esperienza di vita, in un cammino di condivisione, di speranza e di Fede.

La quarta domenica di ogni mese durante le S. Messe i volontari della Caritas parrocchiale sono disponibili per dare informazioni sulle attività caritative e per raccogliere offerte e/o generi alimentari(anche freschi purché non a breve scadenza), prodotti per l’igiene personale e per la casa. Se vuoi sostenere l’Emporio della Solidarietà con una donazione fiscalmente detraibile puoi effettuare un bonifico a:
FONDAZIONE OPERA SAN MARTINO iban: IT 82 C 03069 09606 100000002695
Causale: CONTRIBUTO OTTAVOGIORNO PARROCCHIA SACRO CUORE BRESCIA COD. 048
Per poter ottenere la certificazione fiscalmente detraibile chiamare poi la segreteria della Caritas Diocesana al numero 030 3757746 indicando i dati del versamento e i propri dati anagrafici. GRAZIE!!!

Canta nel coro!

Vuoi cantare? Non hai esperienza?
Hai già cantato in un coro e vuoi ricominciare?
Ti piace cantare sotto la doccia?
Vuoi farlo anche nel coro?
Vuoi vivere al meglio la messa?

Cerchiamo bassi, tenori, contralti e soprani.
Se non sai in che ruolo cantare, non ti preoccupare il maestro ti aiuterà a identificarlo.

Ti aspettiamo!

Per informazioni:
Mauro Buonafede – Direttore del coro – 392 248 1343
Fra Alberto 342 920 8242
[email protected]

Basta un click
www.sacrocuore-brescia.org
Nell’era in cui impazzano i social network, ha ancora senso avere un sito internet?
Sì. Anche perché – spesso per scelta – non tutti accedono a Facebook o a Instagram. Certo, c’è ...

Continua a leggere

WhatsApp, che quasi tutti hanno, e che consente in tempo reale di comunicare e trasmettere foto, video, documenti… ma la platea è comunque sempre ristretta.

Un sito internet, invece, ha anche altre potenzialità che forse non subito vengono percepite.

www.sacrocuore-brescia.org è il sito della nostra parrocchia. Per restare al passo con i tempi, lo abbiamo sottoposto a un restyling grafico e funzionale per renderlo non solo un sito di mera pubblicazione di articoli sulla vita della nostra comunità, ma anche per trasformarlo in uno strumento di utilità per tutti noi. Un lavoro lungo e complesso che, alla fine, ci ha portato a creare un sito semplice, da consultare anche con lo smartphone.

Oltre agli articoli e alle catechesi, potrai collegarti – cliccando sulle relative icone – ai gruppi parrocchiali come lo Sportello Caritas, l’Ordine Francescano Secolare e, prossimamente, il Gruppo Missionario.

In prima pagina troverai sempre il Foglio del mese con la possibilità di scaricarlo.

Nel Calendario attività trovi gli appuntamenti quotidiani che riguardano la vita parrocchiale.

Una sezione tutta nuova è dedicata alla Parola del giorno e alla Liturgia delle ore quotidiana.

Un altro strumento molto utile è la pagina dedicata alla Segreteria: qui trovi tutte le informazioni necessarie relative ai servizi offerti, tra i quali il rilascio dei certificati di battesimo e di cresima – avrai la possibilità di scaricare il modulo di richiesta e inviarlo via mail – e le prime indicazioni per ricevere i sacramenti del battesimo e del matrimonio (con un link ai Corsi prematrimoniali nella nostra Diocesi).

Nella pagina dedicata all’Oratorio, oltre agli articoli e alle attività oratoriali, trovi i moduli per iscriversi al Catechismo e le informazioni sul Corso di Teatro organizzato dalla Compagnia del Sacro Cuore. Cliccando sulle rispettive icone, si attiva il collegamento alle pagine Facebook e Instagram dell’Oratorio.

Infine – attraverso la compilazione di un brevissimo modulo – puoi iscriverti alla News letter così da essere avvisato in tempo reale ogni volta che viene pubblicata una nuova notizia. Questo è un servizio gratuito e molto utile, infatti già molti parrocchiani si sono iscritti così da rimanere costantemente informati.

E non solo nostri parrocchiani: al sito accedono anche coloro che prima erano nostri parrocchiani ma che ora, per motivi di lavoro o di studio, sono residenti in altre città dell’Europa, dell’America e dell’Asia.

www.sacrocuore-brescia.org si rivela quindi uno strumento per sentirsi vicini anche quando vicini non si può stare… è un mezzo straordinario per non perdersi di vista. Ecco le potenzialità di un sito internet. Adesso tocca a te fare Click.

Aldo Agnellini

Carissimi parrocchiani e parrocchiane,
ogni volta che entriamo in chiesa per partecipare alla Messa o per pregare o per accendere una candela, noi ci troviamo in un ambiente pulito e ordinato. Ciò è possibile grazie alle premure di alcune persone della nostra comunità, le quali, una mattina a settimana, si impegnano nella pulizia della nostra chiesa, mosse dalla preoccupazione verso ognuno di noi, così che, quando entriamo in chiesa, possiamo trovare un ambiente sanificato e accogliente. Purtroppo, in questi anni, per motivi di salute o perché il Padre ha chiamato a sé alcuni volontari, il gruppo si è sempre più assottigliato.
Per questo mi rivolgo a voi, soprattutto a coloro che sono in pensione e non sanno cosa fare e vorrebbero fare qualcosa per far sentir l’altro accolto e aiutarlo a pregare nella nostra chiesa.
Se sei disponibile e vuoi saperne di più, vieni il giovedì mattina dalle 9.30 alle 11.30, l’orario in cui si fanno le pulizie. Ti aspettiamo.

Ma che freddo fa nella nostra chiesa!
Carissimi fratelli e sorelle della comunità parrocchiale del Sacro Cuore di Gesù in Brescia,
“Ma che freddo fa in questa chiesa!” questo è da sempre il ritornello che sentiamo di più nel periodo invernale… ed effettivamente è proprio così. L’attuale impianto di riscaldamento è alimentato mediante il teleriscaldamento e il calore prodotto viene poi diffuso nella chiesa tramite un ricircolo d’aria calda. L’impianto è obsoleto e non riesce a riscaldare adeguatamente la nostra chiesa; per di più risulta troppo....

Continua a leggere

dispendioso: infatti, ogni anno, si spendono circa 8000 euro di teleriscaldamento e 2000 euro di energia elettrica, a cui si aggiungono poi i costi per la manutenzione ordinaria.

Inoltre quest’anno, a causa del Covid, non abbiamo potuto attivarlo perché la diffusione dell’aria calda avrebbe facilitato la propagazione del virus. E questo potrebbe capitare anche per gli anni successivi, visto la permanenza del virus.

Pertanto, da qualche mese, ci siamo attivati per dotare la chiesa di un nuovo impianto di riscaldamento, più efficace, più economico ma che, soprattutto, scaldi davvero. Tra le varie proposte prese in considerazione, dopo attenta valutazione di tecnici e ingegneri competenti, con il Consiglio degli affari economici della Parrocchia, abbiamo pensato di iniziare le pratiche per un nuovo impianto di Riscaldamento con tecnologia a pedane riscaldanti alimentate con corrente elettrica.

Si tratta di un sistema di riscaldamento con pedane termiche da posizionare sotto i banchi della chiesa. Questa soluzione consentirà, durante la funzione, di fornire un confort localizzato, grazie al tepore percepito dagli arti inferiori. Una sonda permetterà di impostare la temperatura della pedana in un intervallo compreso tra i 26 e i 32° C.

Per un utilizzo del riscaldamento di 3 ore giornaliere per i giorni feriali e di 6 ore per la domenica, la stima del costo totale di energia elettrica ammonta a circa 4000 euro annui.  Il preventivo dell’installazione dell’impianto è di 40.000 euro.

Nei prossimi mesi vi comunicheremo se il progetto potrà essere ufficializzato, anche perché è necessario il benestare della Curia diocesana e della Sovrintendenza delle Belle Arti. Insieme al Consiglio degli affari economici parrocchiale cercheremo poi di trovare tutte le opzioni per finanziare il progetto facendo affidamento anche sul vostro contributo.

Come ci ricorda papa Francesco: «Ogni membro della comunità si senta responsabilmente e direttamente coinvolto nel sovvenire ai bisogni della Chiesa, attraverso le diverse forme di aiuto e di solidarietà».

Il vostro parroco
fra Cristian

logo Caritas